Press "Enter" to skip to content

Recensione libro: Inside me di Flora Gallert

Cari Booklovers,

dopo qualche giorno di assenza sono tornata con una nuova recensione di Flora Gallert dal titolo Inside me. Il romanzo è un fantasy e oggi lo scopriamo insieme.

  • Titolo: Inside me
  • Autore: Flora A. Gallert
  • Prezzo di copertina: 8,49
  • ebook: 0,99

 

  • Trama: Iris viene adottata all’età di 17 anni. La sua nuova famiglia si dimostra fin da subito dolce e comprensiva, soprattutto suo fratello Nathan, un ragazzo poco più grande che la ricopre di attenzioni. Ad Upper S School, lei è la novità: spezza la solita routine e sono tutti ben disposti nei suoi confronti. Tutti tranne uno. Jared è un ragazzo alto, dai capelli scuri e pallido, che la evita e sembra odiarla. Eppure dove si trova lei, c’è lui. Ma tutti, compreso suo fratello, le intimano di stargli lontano. Le dicono che è pericoloso, strane storie, infatti, circolano su di lui.Lei lo cerca, lo vuole, lo desidera. Non ha paura, anche se le scoperte sono sempre più inquietanti.Perché, nonostante tutto, lui è sempre pronto a proteggerla e qualche volta cede…Ma perché si comporta così? Cosa nasconde? Ed è l’unico a nascondere qualcosa?Jared è combattuto, non riesce a vivere in pace se lei gli è vicino, ma non riesce a trovare la pace se lei non gli è accanto. La fragranza del suo sangue lo scuote, lo attira, lo sconvolge. L’amore sarà più forte del desiderio di assaggiare quel sangue tanto bramato da qualsiasi vampiro? Riuscirà a portare a termine la missione di proteggerla da se stesso e da qualsiasi altro male?

La recensione: 

Chi mi conosce sa che, durante il periodo della mia adolescenza, sono cresciuta con i Fantasy e mi sono ritrovata nella generazione di Twilight. Il vampiro di Stephanie Meyer ha avuto più successo di molti altri e questa figura mitologica, quasi impossibile da ritradurre nel reale, ha cavalcato la cresta dell’onda editoriale per molto tempo. Poi, successivamente, le mode sono cambiate e del vampiro non si è più letto molto. Questo romanzo indipendente di Flora Gallert riporta il vampiro nella letteratura fantasy moderna, ahimè con ottimi presupposti di partenza ma con poco sviluppo della storia e dei personaggi. Iris è una ragazza  di diciassette anni, carina ma non sa di esserlo; vive in un orfanotrofio perché non ha mai conosciuto i suoi genitori e viene adottata da una coppia con un figlio, un ragazzo adolescente.

La prima pecca del romanzo è quella  di far consumare la storia in poco più di cento pagine e nulla viene strutturato o posto nella direzione esatta. Inside me propone una storia vista tante volte, sarebbe riuscita nel suo intento se avesse sfruttato bene le dinamiche del fantasy. Innanzitutto la ragazza, Iris, incontra il bel vampiro della scuola ma ovviamente nessuno sa che è un vampiro. Tranne mezzo mondo e tutta la scuola. Tutti sanno che Jared è un vampiro, anche il nome privo di originalità  è stato  usato tante volte dalle scrittrici. Poi, mi chiedo, come fanno le persone a sapere che si tratta già di un vampiro? Parliamo di figure oscure e non facilmente riconducibili al quotidiano. Tutti pensano che Jared sia un vampiro perché le ragazze con le quali è uscito sono svenute in circostanze sospette.

Nella realtà voi pensereste ad un vampiro? Io no! Penserei, magari, ad un serial killer o uno stalker che cerca in tutti i modi di mettere in pericolo le ragazze per coglierle in una situazione di svantaggio fisico. Questo è un primo grande errore. C’è poi la relazione tra i genitori e Iris a mio parere strutturata un pò male. Però si riprendere con la relazione tra lei e Jared fin quando un tizio, casualmente, passa nel corridoio e le dice:” tutti pensano che Jared sia un vampiro”. Ovvio! Queste sono assurdità che costano un paio di stelline all’autrice.

Allora cosa dovrebbe spingere le ragazze a comprare questo romanzo? Beh, credo la nostalgia dei fantasy sui vampiri perché, a differenza degli altri young adult o fantasy, la scrittrice propone questo romanzo per un pubblico di adolescenti e lo fa creando una storia carina con un linguaggio semplice e scorrevole. Sono d’accordo anche sul prezzo attribuito da Amazon perché non stiamo parlando di un romanzo brutto o scritto male, semplicemente necessitava di una cura e di qualche conversazione un pò più sofisticata. Nel complesso non mi è dispiaciuto, però mi mantengo bassa nella votazione.

Buona lettura,

Alessandra

 

VOTAZIONE:

 

 

 

 

 

 

 

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: