Il capitale amoroso di Jennifer Guerra

Il capitale amoroso è l’ultimo studio della giornalista e femminista Jennifer Guerra. Una professionista, compagna, che seguo quotidianamente su instagram. E’ una ragazza che espone con chiarezza le nostre problematiche e ho atteso con ansia questo suo ultimo lavoro. In quanto sociologa, lo studio del capitale economico, sociale, culturale è cruciale per l’analisi delle società moderne.

Titolo:Il capitale amoroso: Manifesto per un eros politico e rivoluzionario (Munizioni Vol. 6)

Autrice: Jennifer Guerra

Editore: Bompiani

Pagine: 90

prezzo: 14,25 euro

e-book: 9,99 euro

 

 

Sinossi: Mentre il nostro immaginario è infarcito di amore – una versione romantica e fasulla, veicolata da romanzi, film e pubblicità –, la nostra società si comporta come un amante dal cuore spezzato: è cinica e sprezzante nei confronti dell’amore, considerato un sentimento stupido, inutile o noioso, una fantasia per adolescenti, un ripiego per chi non sa stare solo, un lusso per pochi.

L’amore è un concetto socialmente costruito e non è una novità. In una società come la nostra, parlare d’amore significa interfacciarsi soprattutto con il capitale. Non è una novità neppure essere a conoscenza di vivere in un mondo in cui l’individualismo è sinonimo di forza e competenza. L’individuo singolo riesce ad andare avanti perché merita,  è bravo e si fa da solo.Ma le solitudini contemporanee, come cita anche Guerra, nascono nella vita frenetica della metropoli. Il neoliberismo, questo fastidioso capro espiatorio che tutti nominano ogni santa volta, non è altro che il protagonista di etichette e modi di agire. L’amore è un etichetta perché influisce su genere, età, classe sociale. Anche se i movimenti sociali, politici ed economici cambiano sono presenti in ogni società degli stereotipi.

Sull’amore si esprimono in tanti, per le donne amare è sempre stato un sogno fotografico o romanzato che permettesse di raggiungere un buon posizionamento. Ho trovato utile il riferimento a Friedrich Engels sul matrimonio inteso come contratto e posizionamento che ne fa conseguire una costruzione parentale di una famiglia non allargata che assicura un patrimonio futuro. I rapporti relazionali entrano anche in una sfera simbolica e di posizionamento, socialmente accettabile. I matrimoni  combinati non sono più frequenti, ma ancora la società scongiura l’amore tra etnie diverse o età diverse.

 

 

Informazioni sull'autore

Classe 1994, da sempre innamorata della conoscenza e della letteratura. Sono appassionata di studi sociologici e della pallacanestro americana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: